Quantcast
Sei qui: HomeDiana Bracco

Introduzione del Presidente Diana Bracco

Presidente della Società di Gestione EXPO 2015 S.p.A.
 
Diana Bracco
 
Expo 2015 e le prospettive per le imprese lombarde e italiane: l’impegno delle imprese italiane

In un momento di crisi come l’attuale, il grande progetto Paese rappresentato dall’Expo, assume un’importanza ancora maggiore, perché è un driver anticiclico di crescita economica e occupazionale.

Grazie all’Expo, vinto da Milano e messo a disposizione dell’intero Paese, l’Italia potrà intensificare le relazioni bilaterali, economiche, scientifiche e culturali con oltre 150 paesi; potrà dare visibilità sui mercati di tutto il mondo ai prodotti del Made in Italy, a partire da quelli delle PMI che sono l’asse portante del nostro sistema produttivo; potrà rilanciare il turismo, attrarre investimenti, ammodernare la sua rete infrastrutturale e recuperare competitività.  L’esposizione, dunque, darà nuovo impulso alla nostra economia.

Aver dedicato l’Expo al tema “Feeding the planet, energy for life”, ponendo al centro dello scenario globale il tema del diritto a un’alimentazione sufficiente, sicura e sana per tutti gli abitanti della terra, offre anche un’opportunità per la comunità scientifica internazionale, per fare il punto sulle innovazioni che tutelano la salute del consumatore finale.

Ma l’Expo e’ anche molto altro. Sarà un’opportunità per:
•    l’intera filiera alimentare, per presentare le sperimentazioni in corso a tutti i livelli, dalla produzione di base alla trasformazione del prodotto agricolo, dal confezionamento allo stoccaggio, dal trasporto alla distribuzione, dalla vendita al dettaglio alla preparazione degli alimenti;
•    l’agricoltura, per incoraggiare e sostenere le tecniche per il miglioramento della produzione agricola e per la conservazione e la  valorizzazione delle bio-diversità;
•    l’educazione alimentare, per fare emergere la consapevolezza dei problemi che investono tanto i paesi con scarsa disponibilità di cibo quanto le società del benessere, e per sviluppare modalità per affrontarli con successo;
•    tutti i soggetti impegnati nella solidarietà e dell’assistenza alimentare, per promuovere i progetti di sostegno e di cooperazione in questo campo.

Sul fronte dell’alimentazione, l’Italia ha molte risorse ed eccellenze da mettere in campo per farne un patrimonio comune da condividere. Tutto il mondo ama il cibo italiano, perché è sano e genuino: il piacere, la qualità, il gusto alimentare, le cucine e i prodotti regionali, la biodiversità e la salute di uomini e animali fanno parte della cultura italiana del saper vivere. E tutto il mondo conosce e apprezza l’alta qualità della tradizione alimentare italiana. Il comparto italiano del cibo, settore di punta del Paese, conta migliaia e migliaia di aziende, con mezzo milione di addetti, e circa 100miliardi di euro di fatturato annuo.

L’Expo 2015 sarà, tra l’altro, anche un grande progetto di solidarietà globale. E’ questa l’idea innovativa di Evento aperto, solidale e multiculturale, che ha permesso a Milano di vincere la sfida con Smirne: un progetto da realizzare insieme ai paesi che vorranno sfruttare le competenze, le tecnologie e le abilità che metterà a disposizione l’Italia con le sue università, le sue organizzazioni di volontariato, le sue imprese.

Non è un caso che il segno tangibile dell’Expo 2015 non sarà un landmark come la Tour Eiffel, ma un Centro  per lo sviluppo sostenibile, snodo di una rete internazionale diffusa in ogni parte del mondo. Come Fondazione Milano per Expo (realtà creata da Camera di Commercio e Assolombarda e un gruppo di imprenditori), stiamo, per esempio, già lavorando per la  formazione al lavoro delle adolescenti del Togo.

Per tutte queste ragioni, noi imprenditori siamo pronti a scendere in campo per il successo della manifestazione, mettendo a disposizione le nostre risorse migliori per sostenere la sua realizzazione, al fianco delle Istituzioni e dei cittadini: risorse economiche, talenti, know how, capacità progettuale e organizzativa saranno il nostro contributo per concorrere a migliorare la qualità della vita e garantire il diritto a un’alimentazione sufficiente, sana e sicura per tutti gli abitanti del pianeta.

L’Italia ha davanti a sé un’opportunità unica: sono sicura che non andrà sprecata.


Diana Bracco
Presidente Expo 2015 Spa





Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information