Quantcast
Sei qui: HomeApprofondimentiVademecum

Eccoci arrivati!

Accensione Albero della Vita Expo 2015

Alla fine eccoci arrivati al via! Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel 31 marzo 2008 quando il BIE assegnò a Milano l'organizzazione della prossima Esposizione Universale che si sarebbe svolta nel 2015. Ricordiamo ancora quando nel giugno 2009 Vademecum Expo nacque e andò online per la prima volta: sembrava mancasse un'era geologica all'apertura dei cancelli e tutti, ancora, non avevano ben chiaro che cosa volesse dire avere un'Expo nella propria città, nel proprio Paese. Ecco che invece, come per incanto, i cancelli si sono aperti e i primi visitatori (su tutti una signora di Como) hanno attraversato i tornelli per trovarsi di fronte alla meraviglia di un intero mondo, tutto li a portata di mano e per la gioia degli occhi.

Leggi tutto

È il momento di agire. Subito

un sms per il Nepal

Su questo sito siamo abituati a scherzare, a volte anche in modo pesante, su tutto ciò che gira storto intorno al mondo Expo e al comune di Milano. Ci sono momenti in cui però gli scherzi devono istantaneamente lasciare spazio alle cose serie. Questo è uno di quei momenti e tutta la redazione di Vademecum Expo 2015 si unisce alla diffusione di questo appello accorato.
Purtroppo, come tutti sappiamo, sono ore drammatiche quelle vissute in Nepal dalla popolazione locale. Per questo motivo l'Agenzia Italiana Risposta Emergenze (AGIRE) insieme a EXPO 2015 hanno deciso di lanciare un appello alla solidarietà per il popolo colpito. Ecco, di seguito, il comunicato stampa emesso da poco.

Leggi tutto

Meno due ...e il Papa s'infuria

menodue

"Quanto abbiamo speso per essere presenti all'Expo? Tre milioni di Euro?" Così pare abbia tuonato il buon Francesco, il Papa Buono II, quando ha saputo quanto era costata la realizzazione del padiglione dello Stato Pontificio alla prossima Esposizione Universale. È ovvio che con quei soldi si poteva fare di più, nel senso che la chiesa poteva benissimo fregarsene di Expo donando in opere benefiche il denaro speso per ribadire al mondo che anche la Chiesa c'è (così come Valentino Rossi quando vince e Guido Meda ribadisce che Rossi c'è): un concetto pleonastico.
Forse non sono sufficienti tutte le costruzioni "imu-esenti", presenti sul territorio nazionale e non, a far capire al mondo che l'Italia è già stata ampiamente lottizzata dai preti in lungo e in largo: ci sono piccole località dove ci sono più luoghi di culto che abitanti. Sin dai tempi antichi lo Stato del Papa ha messo radici nella povera Italia al punto che basta alzare lo sguardo ovunque per trovare chiese, campanili, santuari e roba del genere, spesso anche in luoghi così inaccessibili da chiedersi se sia stato davvero un miracolo quello che ne ha reso possibile l'edificazione.

Leggi tutto

Meno quattro

Fruty, un nome più cazzuto non c'era...

Ciao Sono Foody, la mascotte dell'Expo. Eh lo so, con tutti i sapientoni che sono stati assoldati per trovarmi un nome, proprio questo dovevano affibbiarmi, un nome cazzuto che se avessero fatto un concorso tra gli studenti delle scuole medie avrebbero trovato di meglio. Comunque eccomi qua, sono una specie di Arcimboldo dei poveri fatto di frutta. Insomma un'ideona.

Leggi tutto su Foody

Finalmente 4!

Linea Metro 4

Con soli 5 anni di ritardo il Comune di Milano annuncia che la Linea 4 della metropolitana cittadina si farà. Grande felicità e gioia da parte della cittadinanza, soprattutto all'annuncio degli 88 (dicasi ottantotto) mesi di lavori che ci aspettano e che significheranno altri sette anni (e oltre) di sofferenza, da trascorrere in mezzo a cantieri che deturperanno ancora la città e metteranno sottosopra la circolazione, già tanto provata negli ultimi decenni, da quando partirono i lavori per Italia 90.
Certo, il detto è sempre quello, per essere belli bisogna un po' soffrire e quindi, per avere una rete sotterranea completa, attenderemo pazienti anche questi anni difficili.
Almeno non potranno più irriderci dicendo che a Milano non siamo capaci di contare, saltando dalla linea 3 alla 5 come avviene adesso. Tra l'altro, proprio in occasione dell'apertura di Expo, il giorno 29 aprile sarà aperta la tratta completa della linea Lilla, che porterà fino a San Siro anche se, questa fermata, aprirà solo il giorno dopo l'incontro di calcio Inter–Roma, per motivi di ordine pubblico, che si svolgerà proprio la sera del 29.

Dopo Expo: se ne parla adesso

Mancano quasi due anni all'inizio della esposizione universale di Rho ma è già tempo di pensare a quello che accadrà un domani, al termine dei balli del 2015. Ecco che allora appaiono sempre le solite facce a raccontarcene di nuove, forse per sviare le domande dei giornalisti sui pressanti problemi che la macchina Expo sta incontrando quotidianamente. Il bello è che sono proprio loro, gli organizzatori, che vogliono sapere dai milanesi come vorrebbero che l'area della manifestazione diventasse al termine della stessa.

vai all'articolo

Come va, come va? Tutto ok, tutto ok?

Ma l'Expo quanto piace ai milanesi?

Da qualche tempo abbiamo lanciato un sondaggio che, alla data odierna, sta dando un'immagine inedita della futura Expo. Sembra che il pensiero dei votanti, milanesi o no, non corrisponda esattamente al sentire degli organizzatori e al loro gridare al miracolo targato 2015. Infatti oltre il 49% sta dichiarando un'insoddisfazione netta nei confronti dell'iniziativa mentre solo il 17% si dichiara soddisfatto senza riserve. Un terzo dei votanti si dichiara a favore ma nutre ancora qualche dubbio sul fatto che l'Esposizione Universale del 2015 porterà reali benefici alla città.

vai all'articolo

Expo 2015: lo status quo

Statua della Vergogna, Palermo, particolare

A distanza di oltre un anno dalla nostra ultima disamina sullo stato delle cose che riguardano l'Expo, facciamo di nuovo il punto della situazione. Le "grandi opere" pensate per la grande manifestazione sono tutte in ritardo e alcune addirittura a rischio: l'unica realizzazione garantita resta il sito espositivo, come si poteva prevedere.

vai all'articolo
Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information